Area Clienti

Upgrade del servizio hosting

Per Effettuare l’upgrade del tuo Hosting ti basterà seguire i seguenti passi.

E’ necessarrio effettuare l’accesso nell’area cliente è sufficiente:

Nella pagina i Tuoi Servizi seleziona il servizio sul quale vuoi fare l’upgrade e click su Gestisci

Ora nella sezione Dettagli Hosting cliccare sul pulsante Upgrade

Ora è necessario selezionare il prodotto a cui si vuole fare l’upgrade. Di conseguenza è necessario continuare al pagamento e al completamento dell’ordine.

L’Upgrade avviene automaticamente subito dopo aver effettuato il pagamento.

Cosa fare quando il sito viene sospeso

I siti/hosting vengono sospesi molteplici ragioni:

  • Il sito è stato compromesso.
  • Invio di email di spam (account email è stato compromesso).
  • Invio di Email ad account inesistenti.

In questi casi è necessario contattare il reparto tecnico aprendo un ticket dall’area cliente del titolare del servizio.

Qual è la dimensione Massima per il Database?

La dimensione massima che può avere un database è determinata dal piano Hosting acquistato.
DI conseguenza acquistando un piano Hosting con 15 GB di spazio disco il massimo per il Database sarà appunto 15 GB.
Ricordiamo che lo spazio è condiviso tra tutti i servizi quindi se hai il database che ti occupa il massimo spazio non ci sarà più spazio per il sito o le email

E’ possibile registrare un nome dominio con diverse estensioni?

È possibile registrare un dominio con diverse estensioni, inoltre è molto consigliato per chi vuole proteggere il proprio brand online, sopratutto con i nuovi gTLD.

Si tratta quindi non solo di un’opportunità, ma soprattutto di un’opzione utilissima in riferimento a ciò che abbiamo accennato in precedenza, ovvero proteggere il nome.

Porte standard utilizzate

Di seguito una lista delle porte standard. Ogni valore può differire in base alla configurazione del server.

cPanel

cPanel2082
cPanel – SSL2083
Whm – cPanel Client2086
WHM – SSL2087
Webmail2095
Webmail – SSL2096

Email

POP3110
POP3 – SSL995
IMAP143
IMAP – SSL993
SMTP25
STMP Alternativo26
SMTP Alternativo587
SMTP – SSL465

Web

HTTP80
SSL443
FTP21
FTPs990
SFTP22
SFTP Shared / Reseller2222
Webdisk2077
Webdisk – SSL2078
MySQL33
MSSQL1433
SSH22
SSH Shared / REseller2222

Cosa fare quando l’hosting viene sospeso

Se il tuo hosting viene sospeso i motivi possono essere diversi di seguito i principali:
Hosting Scaduto e non rinnovato – il sistema ha provveduto a sospendere automaticamente al mancato pagamento del servizio
Hosting Violato – il sito è compromesso/hackerato ed il reparto tecnico ha sospeso il servizio
Invio Massivo di Spam – Una o più caselle email potrebbero essere state violate e vengono utilizzate per inviare email di spam
Phishing – Il sito è stato utilizzato per effettuare Phishing

Per richiedere assistenza è necessario aprire un ticket dalla propria area cliente

Cosa fare se ho finito lo spazio hosting?

Se hai finito lo spazio disco del tuo hosting rischi di avere un disservizio: potrebbe essere dovuto al fatto che hai ricevuto troppe mail, i file di log sono diventati troppo grandi o il database si è troppo pesante.
Per risolvere il problema ci sono le seguenti soluzioni:

– Liberare Spazio tramite FTP
– Cancellare le email tramite, questo solo se sono memorizzate in IMAP sul server, ricordandosi di svuotare il cestino.
– Effettuare l’upgrade al piano hosting – Questa Guida ti spiega come effettuare L’upgrade del tuo Hosting.
– Acquistare spazio Disco Aggiuntivo

Generare la Sitemap

Inserendo un file xml formattato con la mappa del sito sul tuo server web, abiliti i crawler del motore di ricerca (come Google) per scoprire quali pagine sono presenti e quali sono cambiate di recente e per eseguire la scansione del tuo sito di conseguenza.

Un utile sito web in cui è possibile generare la propria sitemap. Questo è il Link

Errori pagine (codici e spiegazione)

Di seguito l’elenco degli errori più comuni che si possono verificare:

Client Request Errors

400 – Bad Request Il flusso di dati inviato dal client è riconosciuto come invalido dal server, perché non rispetta il protocollo HTTP. Possibili soluzioni: potrebbe essere presente un bug del codice lato server (ad esempio ASP o PHP). Se si state utilizzando .ASP molto probabilmente il problema deriva dall’utilizzo di caratteri Unicode: potrebbe quindi essere necessario aggiorare il .NET Framework come spiegato nella pagina ufficiale.
401 – Authorization Required. L’errore si presenta dopo aver immesso credenziali non corrette Possibili soluzioni: reperire le credenziali di accesso corrette (dipendono tipicamente dal sito web e non dall’hosting provider).
403 – Forbidden. Il server ha capito la richiesta ma si rifiuta di autorizzarla. La causa più comune di questo errore è il tentativo di accesso ad un link o ad una risorsa di cui non si ha il permesso. Molti portali implementano in automatico questo errore per motivi di sicurezza è bene non manipolarla.
404 – Not Found. Questo tipo di errore è forse il più comune. Viene restituino nel caso stiate cercando di accedere ad una pagina inesistente o a cui è stato cambiato l’URL. Possibili soluzioni: E’ necessario verificare manualmente l’indirizzo che non funziona e provare a ripristinarlo (ogni CMS utilizza un metodo diverso per il ripristino del link). Esistono plugins che si occupano di controllare periodicamente errori di questo tipo e consigliare il modo migliore per correggerli. es. WordPress: Broker Link Checker. È inoltre possibile rilevare in automatico tutti i link rotti mediante il software free Xenu (per PC) o Integrity (per Mac).
405 – Method Not Allowed. Questo errore indica che il server non può visualizzare la pagina con il metodo richiesto: alcuni metodi possono essere GET, PUT, POST, DELETE. Possibili soluzioni: il metodo standard che viene utilizzato da tutti i server è PUT, di conseguenza questo genere di errore non dovrebbe mai verificarsi: in caso contrario contattate il supporto online.
406 – Not Acceptable (encoding). Questo errore viene restituito dal server nel caso in cui la richiesta HTTP possieda degli header di Accept che non siano compatibili con quello che è stato richiesto, o che comunque il server non è in grado di gestire. Possibili soluzioni: la diagnosi può essere di natura complessa, per cui conviene contattare il supporto online.
407 – Proxy Authentication Required. Questo errore indica che la richiesta non è stata applicata perché non dispone di credenziali di autenticazione valide per un server proxy che si trova tra il browser e il server. Possibili soluzioni: contattare il supporto online.
408 – Request Timed Out. Possibili soluzioni: consultare la guida di Mozilla oppure contattare il supporto online.
409 – Conflicting Request. Possibili soluzioni: consultare la guida di Mozilla oppure contattare il supporto online.
410 – Gone. La pagina richiesta non è più disponibile all’indirizzo specificato e potrebbe essere spostata. Possibili soluzioni: contattare il webmaster del sito per conoscere il nuovo indirizzo.
411 – Content Length Required. Il server si rifiuta di rispondere perché la richiesta non include le informazioni sulla lunghezza del contenuto. Possibili soluzioni: contattare il supporto online o il webmaster a seconda dei casi.
412 – Precondition Failed. Il software del client VPN ha rilevato che il server non risponde più ed ha chiuso la connessione. Possibili soluzioni: contattare il supporto online.
413 – Request Entity Too Long. Possibili soluzioni: In molti casi svuotare la cache del proprio browser e ricaricare la pagina può risolvere il problema.
414 – Request URI Too Long. Con l’utilizzo del webserver Apache questo errore indica che il limite imposto dal parametro LimitRequestLine è stato superato per l’URL in questione. Possibili soluzioni: chiedere al webmaster di utilizzare URL più brevi.
415 – Unsupported Media Type. Questo errore si risconrta quando la richiesta inviata al server non è supportata per una questione di formato. Possibili soluzioni: contattare il supporto online.

Riportiamo ora quelli che possono essere gli errori possibili per quel che riguarda i Server Dedicati, le macchine interamente dedicate alle esigenze di un singolo cliente che rappresentano il servizio più performante per i grandi siti web.

Conoscere gli eventuali errori e il modo in cui risolverli ha una grande importanza per la gestione di un sito web.

Server Errors
500 – Internal Server Error Messaggio di errore senza la presenza di dettagli. Possibili soluzioni: Controllare eventuali log del server, in modo da individuare il problema. In alcuni casi potrebbe essere comodo attivare la modalità di debug del proprio CMS o piattaforma utilizzata. Nel caso stiate utilizzando WordPress, potrebbe essere un errore di battitura all’interno del file di configurazione .htaccess.
501 – Not Implemented Questa è la risposta appropriata quando il server non riconosce il metodo di richiesta e non è in grado di supportarlo per nessuna risorsa. Info
502 – Bad Gateway Il server, fungendo da gateway o proxy, ha ricevuto una risposta non valida in entrata a cui ha avuto accesso durante il tentativo di soddisfare la richiesta. Possibili soluzioni: In molti casi svuotare la cache del proprio browser e ricaricare la pagina può risolvere il problema.
503 – Service UnavailableIl server non è attualmente in grado di gestire la richiesta a causa di un sovraccarico temporaneo o di una manutenzione programmata. Possibili soluzioni: In molti casi svuotare la cache del proprio browser e ricaricare la pagina può risolvere il problema.
504 – Gateway Timeout Il server, pur fungendo da gateway o proxy, non ha ricevuto una risposta tempestiva da un server upstream a cui era necessario accedere per completare la richiesta. Possibili soluzioni: In molti casi svuotare la cache del proprio browser e ricaricare la pagina può risolvere il problema.